­

Infoline +39 0461.1923456

Il Nepal si presenta come un melting pot meraviglioso ed affascinante di due grandi fedi e culture, hindu e buddista: templi, stupa, altari sul bordo della strada e gompa appaiono e scompaiono sia nella capitale Kathmandu che nei luoghi più remoti, villaggi sherpa che mantengono le loro tradizioni intatte, riti religiosi addolciti dal suono di gainé e saranghi che richiamano gli dei. Molto affascinante il Chitwan National Park: alla scoperta della tigre reale del Bengala (non capita spesso di incontrarla nella vita). Qui si trova la catena dell’Himalaya, ricca di fauna selvatica, di foreste di rododendri, di profonde gole e di onnipresenti cascate. Le città fanno sfoggio di arte e architettura, i villaggi preservano le antiche tradizioni e lo stile di vita del passato e vi lasceranno il segno, ne siamo sicuri. Questo e tanto altro ha da offrire il Nepal, indubbiamente l'esperienza più "vertiginosa" della tua esistenza!

Viaggi e Tour Nepal, le nostre proposte

 
Nepal Original | Tour Piccoli Gruppi

Nepal Original Tour Piccoli Gruppi

Prezzo: 1.230 | Durata: 11 giorni

 

 
Nepal Classic | Tour Piccoli Gruppi

Nepal Classic Tour Piccoli Gruppi

Prezzo: 1.190 | Durata: 11 giorni

 

 
Senza Pensieri
Nepal Culturale | Viaggi su Misura

Nepal Culturale Viaggi su Misura

Prezzo: 1.825 | Durata: 12 giorni
 
Nepal Trekking | Tour Piccoli Gruppi

Nepal Trekking Tour Piccoli Gruppi

Prezzo: da 1.280 | Durata: 11 giorni

 

 
Nepal & Tibet | Tour Piccoli Gruppi

Nepal & Tibet Tour Piccoli Gruppi

Prezzo: 2.690 | Durata: 14 giorni

 

ESPERIENZE DA PROVARE IN NEPAL, LA TOP 5

 

CIBI E BEVANDE NEPALESI, I "MUST"

Viaggigiovani.it ritiene che uno dei modi migliori per scoprire un paese sia il mangiare! Ci sono infinite opzioni tra cui scegliere ed in modi diversi, sia in piedi mangiando dello ”street food” o comodamente seduti in un ottimo ristorante. Ecco una lista che vi svela i migliori piatti nepalesi:

 

Questi gnocchi fritti o al vapore sono di solito ripieni di carne o formaggio. Paragonabile ai momo tibetani, i kothey sono uno spuntino gustoso, che di solito può essere acquistato a buon mercato da bancarelle e mercati di strada.
Questa zuppa di lenticchie è molto popolare tra i vegetariani e vegani e viene servita con riso in tutto il Nepal. Una scelta sicura e gustosa per tutti.
Un piatto a base di carne speziata e con il tipico curry, di solito è composto da pollo, bufalo o montone.
In Nepal la bevanda principale è il te (chiya), preparato nella sua versione più classica e popolare con latte, acqua, te nero e spezie (masala). Troverete piccole bancarelle che preparano questa bontà ad ogni angolo delle strade. Ovviamente ci sono altri tipi di te, e qua potrete farvi veramente una scorta e una cultura al riguardo.
Gli alcolici sono diffusi e molto bevuti dalla popolazione locale. Il vino di riso, il Rakshi, è molto popolare e, nei migliori casi, anche buono. Famoso naturalmente il distillato dei Newari "Aila" che ricorda più la nostra grappa classica. La birra viene prodotta nel paese ed è spesso ottima è abbastanza diffusa come il Rum e il Whisky (alcuni davvero ottimi) prodotti localmente.

ACQUISTI E SOUVENIR NEPAL, I CONSIGLI

Non vorreste mica tornare a casa senza un souvenir del Nepal? Anche se il paese non offre una grande varietà di produzioni locali, ecco una breve lista di cosa poter comprare:

 

  • Bandiere della Preghiera: non è necessario essere una persona spirituale per apprezzare la bellezza delle bandiere di preghiera tipiche del Nepal, con i tipici colori vivaci. Prendete un po’ da portare a casa per iniettare un po' di aria nepalese nel vostro giardino.
  • Sciarpe e Scalda-collo: in Nepal di può trovare cashmere di alta qualità sia nelle boutique che nei mercati, cogliete l'occasione per fare scorta di sciarpe colorate, pashmine a prezzi buoni.
  • Arte buddista: splendidamente dipinto, i caratteristici thankas colorati e mandala si trovano comunemente nei mercati e negozi di Kathmandu, perfetti per comprare un significativo ricordo da portare a casa.

 

HIGHLIGHTS NEPAL

Kathmandu

E' la nostra porta per il Tibet, ma allo stesso tempo una città dal grande fascino. Estrema, dai forti contrasti, in alcune sue parti sembra che i secoli non l'abbiamo intaccata, mentre in altre zone presenta le caratteristiche tipiche delle città in via di sviluppo dove dominano il cemento e l'inquinamento. Per molti il primo impatto è scioccante, lo scenario, i suoni, gli odori possono mettere a dura prova i nostri sensi. In ogni caso, scorrazzare in taxi per le strade trafficate ed inquinate o lungo i viottoli stretti della vecchia città in rickshaw, lasciarsi meravigliare dalla piazza Durbar riempita di straordinari templi, evitare i venditori di balsamo di tigre o i venditori di trekking, può essere un'esperienza straordinaria, intossicante ed unica.

Pokhara

La seconda città più grande del Nepal, incastonata tra le montagne e affacciata sul Lago Phewa, Pokhara non è solo la base di partenza per l'Annapurna Circuit Trek, ma anche una piacevole località dove trascorrere piacevoli giornate. Da visitare: la cascata Devis, Gupha Gupteswor, il tempio Bindabashini, il museo della montagna.

Friendship Highway

Un serpentone lungo 920 km che si inerpica tra montagne e valli, superando più volte i cinquemila metri di altitudine, è una delle strade più belle al mondo. Battezzata la Strada dell'Amicizia, collega Lhasa con Kathmandu e attraversa luoghi di proverbiale interesse e di spettacolare bellezza.

Bhaktapur

La piccola valle di Kathmandu è il centro storico del Nepal, il posto dove sono cresciuti e caduti diversi regni, dove sono stati costruiti, distrutti e ricostruiti i palazzi ed i templi, dove è nata e sviluppata l'arte e cultura Nepalese e dove la si mescola la cultura Induista e Buddista. Patan, la seconda città per importanza, con la sua piazza Durbar stipata di una superba varietà di palazzi, Bhaktapur, più isolata e dall'atmosfera medioevale, Swayambhunath, lo stupa conosciuto meglio come il tempio delle scimmie, Pashupatinath, il più importante tempio induista, sono le attrazioni principali di questa stupenda valle.

Chitwan NP

Chitwan, letteralmente “cuore della giungla” negli ultimi anni ha acquisito un particolare fascino e rappresenta una località dove poter pratica diverse attività avventurose. Ospita una delle faune più prosperose d'Asia (elefante, capra e bufalo selvatico, volpe e tigre del Bengala, rinoceronte, scimmia). Il parco, dal 1984 Patrimonio dell'Umanità, occupa un'area di 932 kmq.

Everest

Su questa montagna si sono spese migliaia di spedizioni nonché scritti altrettanti libri. Rappresenta sicuramente una delle tappe più suggestive di questo viaggio. La montagna potrà essere avvistata dalla Friendship Highway, lungo l'avvicinamento a Kathmandu, ma ancora meglio da Rongbuck dove si trova il monastero più alto al mondo ed è a pochi km dal campo base.

FAQ NEPAL

E' necessario il passaporto con validità di almeno 6 mesi al termine del viaggio ed almeno 2 pagine libere. E’ richiesto inoltre un visto d’ingresso per entrare in Nepal ottenibile in loco. Il visto turistico per il Nepal è valido per multiple uscite ed entrate e si ottiene all’arrivo. Si deve compilare due moduli ad ogni entrata (disembarcation card e modulo richiesta visto, l’ultimo corredato da una fototessera da passaporto a colori) e pagare la rispettiva tariffa pagabile sia in Dollari USA o Euro (25).
Vaccinazioni obbligatorie: nessuna. Vi consigliamo di contattare il vs medico di fiducia, e soprattutto per coloro che soffrono di malattie cardiocircolatorie, ipertensione o problemi respiratori almeno due mesi prima del viaggio. Vi preghiamo di informarci tempestivamente di ogni eventuale particolarità in riguardo della propria salute prima di intraprendere il viaggio e di portarsi dietro un sufficiente ammontare di medicinali che si usa abitualmente, nonché un kit di primo soccorso. Si sconsiglia di consumare i pasti al di fuori di alberghi o ristoranti “turistici”, le guide locali in questo senso vi daranno tutte le indicazioni opportune. Consigliamo di bere acqua imbottigliata generalmente servita negli alberghi e ristoranti e di usare sterilizzanti per l’acqua fuori dalle città per minimizzare l’uso di bottiglie di plastica “usa e getta” in mancanza di riciclaggio adeguato.

Questo viaggio porta parzialmente ad elevate altitudini. Per favorire l’adattamento è necessario, nei primi giorni, mangiare poco, bere molto (2-3 litri d’acqua al giorno) e fare attenzione a non esagerare nello sforzo fisico. Con queste accortezze la maggioranza delle persone non ha problemi che vadano oltre un mal di testa e nel giro di due giorni è solitamente possibile muoversi con facilità. È utile sapere che l’aria rarefatta o altitudini elevate richiedono particolare attenzione ad occhi e vie respiratorie. L’itinerario è comunque studiato per garantire il miglior acclimatamento possibile alle quote previste per evitare eventuali rischi di mal d'altitudine (AMS o Acute Mountain Sickness). Per questo includiamo a volte tappe che possono sembravi anche troppo "corte" e giornate di riposo e acclimatamento. In questo viaggio si raggiungono altitudini elevate oltre i 3500, sconsigliati a chi soffre di disturbi cardiocircolatori (cardiopatie, ipertensioni), disturbi respiratori (bronchiti, asma, enfisema) e cefalea abituale, nevriti, glaucoma. In caso di dubbio, consultate un medico.
La nuova Assemblea Costituzionale nepalese ha eletto lo scorso febbraio il Primo Ministro Sushil Korial a larga maggioranza, segnando un passaggio importante il decennio che ha visto lo smantellamento della monarchia e una fase di guerra civile. Nonostante i segnali di normalizzazione, non è da escludere che continuino a verificarsi scioperi e manifestazioni di piazza con conseguenti disagi negli spostamenti (già resi difficili dalle condizioni del traffico locale e della rete stradale) e, nei casi più gravi, difficoltà nel reperimento di generi alimentari. Si raccomanda pertanto un atteggiamento di massima cautela in tutte le zone del Paese, compresa la capitale Kathmandu, ed in modo particolare nella regione meridionale del Terai e delle province orientali.
Le stagioni migliori per visitare il Nepal sono la tarda primavera o inizio autunno, periodo in cui i monsoni, che portano nuvole e pioggia, sono lontani.
Durante il periodo estivo bisogna tirare avanti l’orologio di 3 ore e 45 minuti in Nepal, d'inverno 4 ore e 45 minuti rispetto all’Italia.
Il Nepal conta 36 lingue ufficiali, di cui il Nepali è la più diffusa (40%).
La moneta locale in Nepal è la Rupia (1€ = 118 NPR al 15.09.2016); sono facilmente cambiabili dollari ed euro, ma consigliamo di utilizzare il Bancomat (contattare la vs Banca e chiedere se la vs carta sia abilitata per i paesi extraeuropei) per prelevare i contanti dagli sportelli automatici di Kathmandu.Gli sportelli bancomat si trovano nelle grandi città del Nepal. Nelle piccole città e zone isolate gli sportelli bancomat sono limitati o inesistenti, assicurarsi di avere abbastanza denaro per coprire gli acquisti.

Le carte di credito sono generalmente accettate da moderni alberghi, ristoranti e dai negozi medio-grandi che si trovano nelle zone turistiche. Piccoli negozi, bar, bancarelle e posti in aree remote, probabilmente non supportano pagamenti con carte di credito, assicurarsi di avere abbastanza denaro per coprire gli acquisti.
  • Tazza di tè / chai = 70 NPR
  • Bottiglia di birra = 200-300 NPR
  • Pranzo semplice = 200 NPR
  • Cena semplice = 400-500 NPR
Il voltaggio è di 220 V e la frequenza a 50 Hz. Anche se a volte si trovano prese simili, è necessario portare un adattatore. Normalmente è facile trovare prese a tre poli tipo britannico.
Per telefonare in Italia conviene usare i telefoni pubblici che sono molto economici, basta cercare negozi che espongono la sigla STD/ISD. Sono molto frequenti e sono aperti anche ad ore inoltrate. Il prefisso da digitare è 0039. I cellulari a Kathmandu e dintorni funzionano se abilitati al roaming internazionale. Nelle zone remote invece si è privi di campo.

La copertura di telefonia mobile è generalmente buona nelle aree urbane, ma può essere irregolare e meno affidabile nelle zone rurali e montane. Assicurarsi che il roaming globale sia attivato sul telefono prima di arrivare.

I viaggiatori saranno in grado di accedere a Internet nelle grandi città come Kathmandu. Città più piccole, zone isolate e villaggi rurali possono avere accesso limitato o inesistente.
Le banche in Nepal sono aperte dal Lunedì al Venerdì dalle 9.00 alle 15.30, i negozi generalmente aprono dalle 10.30 alle 20.00.
Le mance sono facoltative ma sempre ben accettate dal personale locale e sono da versare in loco.
In Nepal non è raccomandato bere acqua dal rubinetto. Per ragioni ambientali si consiglia di utilizzare una bottiglia d’acqua riutilizzabile piuttosto che acquistare bottiglie in plastica. Inoltre consigliamo di sbucciare la frutta prima di mangiarla e di evitare il ghiaccio nelle bevande.
La maggioranza della popolazione nepalese è di religione induista, è stato comunque registrato un tasso sempre crescente di popolazione buddista.
In un’atmosfera fatta di danze (Cham), coloratissimi costumi, giochi e mercatini, musicanti, nomadi e monaci, i tibetani si riuniscono nei giorni di festa per far rivivere la loro religione e la loro antica cultura. Le principali feste sono dunque quelle di origine religiosa, mentre le feste civili sono poco sentite, soprattutto al di fuori dai centri urbani principali.
Ambasciata d'Italia a NEW DELHI
(è l'ambasciata più vicina)
50-E Chandra Gupta Marg New Delhi – Chanakyapuri 110021
Tel. 0091-11-26114355. - Fax . 0091-11-26873889
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
L’assicurazione medica, bagaglio e annullamento è SEMPRE inclusa nei nostri viaggi ; su richiesta è previsto un supplemento per aumento copertura medica (per ulteriori spiegazioni visitare la pagina "Assicurazione".)
 

 

LETTURE E FILM SUL NEPAL

LIBROAUTORE
Sette anni nel Tibet H. Harrer
Segreto Tibet Fosco Maraini
Tibet. Viaggio nel cuore di una cultura secolare M. Richard
Rossi fiori del Tibet Alai
Sotto i cieli del Tibet. In bicicletta da Lhasa a Kathmandu Zilioli Giovanni
Dei, demoni, oracoli Giuseppe Tucci
Tibet. Il tetto del mondo tra passato e presente Sironi e Diemberger
Oriente Express. Storie dall'Asia Renata Pisu
L'arte della felicità Tenzin e Cutler
L'altra metà della mela Bembo e Cerrato
FILMREGISTA
Sette anni in Tibet Jean-Jacques Annaud
Himalaya - L'infanzia di un capo Éric Valli
Piccolo Buddha Bernardo Bertolucci
Kundun Martin Scorsese

 

­
×

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Iscriviti e ricevi le nostre idee di viaggio. Lo promettiamo: non ti tempesteremo!