­

Infoline +39 0461.1923456

Culla di una delle più grandi e raffinate civiltà della storia, patria di narrazioni e leggende antichissime, dalla preistoria ad oggi, in cui nulla passa inosservato, soprattutto le creazioni artistiche. Benvenuti in Iran, la terra che più di ogni altre regala al viaggiatore grandi emozioni che richiedono, come contropartita, un approccio alla realtà culturale del Paese libero da pregiudizi.

Lontani da rotte "calpestate" dal turismo di massa, la Persia va assaporata lentamente, partendo dalla sua capitale Teheran, città squilibrata, complessa, conservatrice a primo impatto, ma dietro ogni velo tanto occidentale quanto (inaspettatamente) moderna. Ma le perle di Persia, inserite dall'Unesco nei Patrimoni dell'Umanità, sono due: l'Incomparabile Meydan Naqsh-e Jahan ("Piazza metà del mondo"), la piazza Imam Khomeini di Esfahan, una delle più grandi e sbalorditive del nostro Pianeta, perché ospita i palazzi più maestosi del mondo islamico e il famosissimo sito archeologico di Persepoli, antica capitale dell'impero achemenide, progetto di opera mastodontica, probabilmente mai terminato.

Un alternarsi di paesaggi a perdita d'occhio, opere architettoniche e moschee, chador e sorrisi. L'Iran fortunatamente non è stato ancora "calpestato" dal turismo di massa, è tutt'ora un paese caldo, sia per le temperature che per le emozioni regalate. Per tanto lasciamoci incantare.

Viaggi e Tour Iran, le nostre proposte

Iran Classic | Tour Piccoli Gruppi

Iran Classic Tour Piccoli Gruppi

Prezzo: da 1.880 | Durata: 10 giorni

Iran Special | Tour Piccoli Gruppi

Iran Special Tour Piccoli Gruppi

Prezzo: 2.270 | Durata: 15 giorni

ESPERIENZE DA PROVARE IN IRAN, LA TOP 5

CIBI E BEVANDE IRANIANI, I "MUST"

La cucina iraniana è caratterizzata da sapori molto forti. I piatti principali sono per lo più a base di riso, di carne di pollo e montone con varie verdure, insaporite talvolta con lo yogurt. Sono molto buoni inoltre i piatti preparati con il pesce fresco del Mar Caspio o del Golfo Persico. Il piatto principale è costituito da una zuppa piuttosto densa a base di erbe e verdure e ricoperta di latte cagliato. Tra i contorni da assaggiare vi sono quelli a base di cipolle e i pomodori mescolati con paprica e yogurt. La frutta occupa un posto molto importante nella cucina iraniana, in particolare l’uva (con ben 70 varietà), i meloni, le albicocche e le mele.

I pasti sono in genere accompagnati dal tè, servito bollente, o dal dough, la bevanda nazionale a base di yogurt diluito con acqua e ghiaccio. In accordo con la religione musulmana, in Iran è vietato il consumo di bevande alcoliche.

Viaggigiovani.it ritiene che uno dei modi migliori per scoprire un paese sia il cibo! Ci sono infinite opzioni tra cui scegliere ed in modi diversi, sia in piedi mangiando dello street food o comodamente seduti in un ottimo ristorante. Ecco i migliori piatti iraniani che dovete assolutamente provare:

Zuppa vegetale preparata con lo yogurt.
Bollito con il burro che si consuma con pollo allo spiedo.
Riso condito con tuorli d’uovo.
Simile al nostro risotto, condito con grasso di montone e spezie e consumato con pesce e carne.
Frittelle preparate con carne di montone, uova, pepe, zafferano, zucchero e yogurt.
Verdure (melanzane, pomodori, peperoni, cipolle) svuotate e riempite di riso, cereali, noci tritate, erbe e spezie. Si consiglia di consumarla calda e condita con salsa, è servito con il riso.
La pannocchia grigliata è uno degli snack preferiti dagli iraniani. Salato e servito con del naan (pane piatto), fegato di vitello e ortaggi freschi.

ACQUISTI E SOUVENIR IRAN, I CONSIGLI

Non vorreste mica tornare a casa senza un souvenir dall’Iran? Il paese offre una grande varietà di prodotti locali, che vi ricorderanno il viaggio in Iran. Ecco una breve lista di cosa potete comprare:

  • Tappeti persiani: se ne trovano di ogni sorta e dimensioni: dai scendiletto a quelli grandi come una stanza, dalle stuoie ai tappetini per scrivania.
  • Mosaici: molti oggetti in Iran vengono decorati con mosaici autentici, perfino utensili da cucina e soprammobili. Si possono trovare sia nei mercati che nei negozi.
  • Artigianato locale: gioielli in argento, sciarpe e scialli ricamati o oggettistica tradizionale, ogni oggetto è un buon modo per ricordarsi di un paese affascinante come l’Iran.

HIGHLIGHTS IRAN

Teheran

Grande città di una piccolissima provincia omonima sulle pendici della catena montuosa Alborz, Tehran, pur essendo una tra le più antiche città iraniane, nasce come un piccolo villaggio che nel X secolo viveva un po' all'ombra della vicina Rey: solo nel 1795, per volere del re cagiaro Agha Mohammad Khan-e-Qajar, venne scelta come capitale del Paese e punto di riferimento di regnanti e popolazioni vicine.
Fatta inizialmente solo di pochi rigogliosi giardini che rinfrescavano le strade polverose di un piccolo borgo di commercianti, Tehran, prima di diventare la città più importante del Paese, divenne a poco a poco il rifugio di molti viandanti di passaggio o di genti che fuggivano dalle numerose invasioni barbare che l'Iran ha subìto, attratti dalle forti mura che presto sono sorte intorno alla ancor piccola città.

Esfahan

Un vecchio detto persiano dice che "Esfahan è la metà del mondo", per il fascino architettonico e artistico che da sempre ha attirato visitatori e sovrani di ogni stirpe, dagli abassidi ai selgiucidi ai mongoli: nel 1589 la vecchia Esfahan venne scelta dallo shah Abbas come capitale del Paese. Situata ai piedi della catena montuosa di Zagros, a poco più di 400 km da Tehran, Isfahān conserva gelosamente lo splendore di quegli anni da capitale prescelta, con splendidi palazzi e moschee che difficilmente hanno rivali nel resto dell'Iran. Anche l'enorme Piazza dell'Imam è opera dello shah Abbas (1612) e qui si affacciano i principali monumenti di Isfahān. La piazza, a sua volta, è tra le più belle e importanti non solo dell'Iran, ma di tutto il Medio Oriente per le sue dimensioni, oltre 8 ettari in totale, pari a due volte la Piazza Rossa di Mosca.

Shiraz

Shīrāz è da sempre il simbolo della raffinata cultura persiana, della serenità dei suoi paesaggi accoglienti, addolciti da un clima mite e piacevole, dalla sua vallata un tempo celebre per i vigneti, dai suoi giardini rigogliosi e ricchi di ogni bene, dal canto dei suoi usignoli, dal profumo dei suoi vini rossi e dalla dolcezza della più antica poesia persiana che qui è fiorita già quando Shīrāz era soprannominata Dār-ol-Elm, "Casa del Sapere": è qui che riposano, in splendidi mausolei, le spoglie di grandi poeti come Hafez e Sa'di, il Mausoleo di Hafez (1324-1391), ad esempio, sorge, con la sua forma ottagonale, al centro di uno splendido giardino ed è tuttora meta di numerosi giovani che si rispecchiano nei versi d'amore dell'antico poeta.

Persepoli

La città di Persepoli è ricca di storia. Affascinante capitale dell'antica Persia, scelta come sede dei regnanti e cuore dell'intero, vasto, impero già nel 512 a.C., da Dario il Grande che qui vi trasferì appunto la capitale direttamente da Pasargade, città più a Nord. Fu il re Dario a dare inizio alla costruzione di palazzi regali e mura che potessero proteggere la magnifica capitale persiana, ma l'intero complesso che poi avrebbe fatto la vera Persepoli così come oggi è ricordata dagli storici fu ultimato solo dopo un secolo e mezzo, passando per numerosi re come Serse I e II, Antaserse I, II e III. Di Persepoli si parla poco in realtà nei testi antichi, quasi sorge il dubbio che la sua esistenza venisse tenuta nascosta il più possibile per preservarla da attacchi e saccheggi; la modernità l'ha conosciuta, invece, solo nel secolo scorso, negli anni '30, quando scavi accurati voluti dall'Istituto Orientale dell'Università di Chicago, condotti dal professore tedesco Ernst Herzfeld, l'hanno riportata alla luce dopo secoli di polvere e dimenticanza.

FAQ IRAN

Per entrare nel Paese per motivi di turismo è necessario possedere il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell'entrata nel Paese. E' obbligatorio anche il visto d'ingresso, rilasciato dalle Autorità Diplomatiche iraniane in Italia. Si consiglia di presentare la richiesta del visto debitamente documentata, con il necessario anticipo rispetto alla data prevista per la partenza (almeno 1 mese). Se si intende visitare l’Iran per turismo e per un periodo non superiore ai 14 giorni di permanenza, è possibile richiedere, senza tuttavia alcuna garanzia, il visto direttamente all’aeroporto di arrivo.

Importante
Per quanto riguarda i nostri tour in piccoli gruppi, è necessario inviarci via mail (o fax allo 0461.1923457) una chiara fotocopia del vostro passaporto, 6 settimane prima della partenza. Provvederemo noi alle varie procedure per ottenere il visto, al costo di 95€/persona, consegnato poi direttamente in arrivo all'aeroporto di Teheran. Inoltre è necessario portar con sè una fototessera a colori su sfondo bianco.
Per entrare in Iran non è necessaria alcuna vaccinazione. È sempre consigliabile consumare acqua e bibite non ghiacciate e solo da contenitori sigillati, non mangiare verdura cruda e cibi crudi in generale, frutta con buccia. È buona norma partire muniti di disinfettanti intestinali, compresse antinfluenzali ed antibiotici. Il livello professionale dei medici è buono e molti di loro parlano diverse lingue straniere.
L’Iran non presenta rischi particolari per il viaggiatore, purche’ vengano evitate le zone a rischio e si adotti un comportamento improntato al rispetto della legislazione locale, delle usanze islamiche in vigore nel paese ed alle ordinarie norme di cautela. Zone a rischio: assolutamente sconsigliato effettuare viaggi nelle aree a ridosso delle frontiere con l'Iraq, l’Afghanistan e il Pakistan, soprattutto nella zona sud-orientale dell'Iran (regioni del Sistan e Balucistan, Khorassan meridionale, e parte orientale della regione di Hormuzgan). Sono sconsigliati altresì viaggi nelle zone ad est della città di Kerman ed in particolare recarsi via terra (in auto o altro mezzo) a Bam in orario notturno.
Il periodo migliore per visitare l’Iran è l’estate (da giugno a settembre) quando fa caldo con un clima arido o semi-arido, oppure in inverno (da novembre a marzo).
Lancette avanti di 2 ore e 30 minuti rispetto all'Italia, di 1 ora e 30 minuti quando in Italia è in vigore l'ora legale.
La lingua ufficiale è il persiano. La conoscenza delle lingue straniere non è molto diffusa nelle città secondarie e nella provincia; nelle principali città, invece, la conoscenza dell'inglese è più diffusa.
La moneta ufficiale è il Rial (IRR), con 1 € che equivale a ca 33000 Rial (cambio aggiornato al 15/09/2016). Potete cambiare in banca, ma anche dai cambiavalute allo stesso cambio della banca, presso la reception dell'hotel o in qualche negozio di tappeti.

Le carte di credito internazionali non sono, per il momento, riconosciute come mezzo di pagamento.

In Iran i contanti sono la forma più comune di pagamento, gli sportelli automatici raramente accettano i bancomat e le carte di credito straniere. Si possono portare euro e dollari americani (in tagli da 100 $), che vengono cambiati tranquillamente.
  • Uno snack = 4.000 IRR
  • Una tazza di tè in un caffè = 4.000-6.000 IRR
  • Una corsa breve con il taxi = 5.000 IRR
  • Un pasto in un ristorante economico = 20.000 IRR
Tensione a 220 Volt. Normalmente le prese sono di tipo europeo a 2 poli (consigliato comunque l'adattatore universale).
Per chiamare l'Iran dall'Italia digitare lo 0098, seguito dal prefisso di zona senza lo zero iniziale e dal numero locale. Per telefonare dall'Iran in Italia è necessario comporre il prefisso internazionale per l'Italia 0039 con il numero da chiamare.

l'Iran è collegato al sistema GSM dei telefoni cellulari (roaming) con utenze italiane con contratto (per le comunicazioni telefoniche e gli sms) e con schede prepagate (solo per sms), ma il collegamento non viene garantito con regolarità. Si raccomanda di verificare con il proprio operatore telefonico italiano la possibilità - e le modalità - di utilizzo della propria sim card italiana in Iran. Nelle principali città del Paese è facile acquistare schede (carte sim) di compagnie iraniane di telefonia mobile per brevi periodi, di cui si raccomanda di munirsi qualora si intraprenda viaggi all'interno del Paese, specialmente nell'attuale situazione.

Nelle principali città dell’Iran si possono facilmente trovare internet caffè e accessi al wi-fi, soprattutto nei grandi alberghi e nei caffè. Nelle zone rurali c’è meno copertura.
  • Negozi: sono aperti dalla mattina alle 20.00.
  • Mercati: chiudono verso il tramonto. Tutte le attività commerciali sono chiuse il giovedì e il venerdì secondo la norma musulmana.
  • Banche: sono aperte dalle 8.30 alle 13.00, sono chiuse il giovedì e il venerdì secondo la norma musulmana.
Nei locali è prevista la mancia, che di solito ammonta al 10-15% del conto. Sono gradite e consigliate per guide e autisti e per tutti coloro che prestano i loro servizi durante il soggiorno.
L’acqua del rubinetto è considerata sicura da bere ma avendo un elevato numero di minerali i visitatori potrebbero avere dei disturbi di stomaco. Vi consigliamo di bere acqua in bottiglia, utilizzando una bottiglia riutilizzabile per ragioni ambientali.
La religione principale in Iran è l’Islam nella credenza sciita duodecimana, con una stima del 90-95% della popolazione. Vi sono poi minoranze sunnite (curda e baluci) e non musulmane (zoroastriani, ebrei, cristiani, bahai, yezidi ed induisti).
In Iran le festività religiose principali sono legate all’Islam ed hanno date variabili perché calcolate sul calendario lunare. Le ricorrenze religiose sono: morte del profeta Maometto (11 gennaio), martirio dell’imam Reza (12 gennaio), compleanno di Maometto (24 gennaio), festa della rivoluzione islamica (10 febbraio), festa del petrolio (19 marzo), Norwuz o capodanno persiano (21-23 marzo), compleanno dell’imam Alì (23 maggio), Shab-e-Miraj o notte dell’Ascensione (6 giugno), compleanno dell’imam Mahdi (24 giugno), martirio dell’imam Alì (29 luglio), fine del Ramadan (8 agosto), martirio dell’imam Jafar Sadegh (1 settembre), festa del Sacrificio (15 ottobre), Eid al-Ghadir (23 ottobre), Capodanno islamico (4 novembre), Tassoua (121 novembre), Ashura (13 novembre) e Arbaeen (24 dicembre).
Ambasciata d'Italia in Iran
Neauphle Le Chateau Ave.66-68, TEHERAN
Tel:0098-21-66726955/6
In situazioni di emergenza anche 0098-912-1035062 (per chiamate dall’Italia), 09121035062 (per chiamate dall’Iran).
Fax: 0098-21-66726961 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Website: http://www.ambteheran.esteri.it/Ambasciata_Teheran
L’assicurazione medica, bagaglio e annullamento è SEMPRE inclusa nei nostri viaggi ; su richiesta è previsto un supplemento per aumento copertura medica (per ulteriori spiegazioni visitare la pagina "Assicurazione".)

LETTURE E FILM SULL'IRAN

LIBROAUTORE
Salam Maman Hamid Ziarati
Persepolis Marjane Satrapi
Un’estate a Teheran Farian Sabahi
Iran. Tesori di Persia Marco Perissinotti, Graziano Tavan, Hamid Masoumi Nejad e Sara Sabokkhiz
L’estate è crudele Bijan Zarmandilli
FILMREGISTA
I gatti persiani Bahman Ghobadi
Mai senza mia figlia Brian Gilbert
Rosewater Jon Stewart

­
×

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Iscriviti e ricevi le nostre idee di viaggio. Lo promettiamo: non ti tempesteremo!